20 febbraio 2014

SEI STATO BAMBINO NEGLI ANNI '80

Sei stato bambino negli anni ’80 se quando avevi la febbre a 39.5, il pediatra veniva a visitarti a casa e intimava i tuoi genitori a non farti uscire di casa fino a completa guarigione…

P.S. Fabio ha iniziato l’inserimento al nido il 14 gennaio, e da allora lo avrà frequentato per non più di 10 giorni, e comunque mai per più di tre giorni consecutivi. Tutti mi dicevano che appena entrato in una classe di nido il piccolo si sarebbe ammalato spesso, ma neanche nelle mie peggiori previsioni la parola ‘spesso’ aveva tanto coinciso con la parola ‘sempre’. Ho posticipato il rientro al lavoro per ben due volte, e al terzo pit-stop, seduta alla panchina dell’ipercoop, in lacrime di frustrazione ho telefonato ai miei genitori implorandoli di venire a darmi una mano. E loro si sono precipitati. Nell’arco di 20 ore erano a 800 km di distanza da dove erano 20 ore prima… Per carità, sono stati felicissimi di badare al nipotino, ma sarebbero stati più felici se il nipotino fosse stato in piena salute. Neanche il tempo di finire la cura di antibiotici per bronchite, neanche il tempo di mettere a posto termometro e aspiratore nasale, neanche il tempo di incontrare di nuovo le educatrici, ed eccolo nuovamente con febbre alta, tosse, catarro, naso chiuso… Non ci posso credere…

P.S.2: Sono tornata al lavoro dalla settimana scorsa, e lo so che ora penserete che io sia un mostro, maaaa… Ma ne sono davvero felice.

11 commenti:

  1. aaah già mi immagino quando toccherà a noi a settembre! Hai fatto bene a chiamare i tuoi, un po' di aiuto ogni tanto serve a rimettersi nella giusta prospettiva. E non penso nemmeno che tu sia un mostro ad essere felice di rientrare al lavoro: io adoro stare con Nicolò e so che il distacco sarà dura, ma il mio cervello a volte mi sembra si stia liquefacendo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Vete... proprio così... per donne come noi abituate a girare sempre a mille, questa immobilità mentale è deleteria. Ti giuro, sono tornata in ufficio e facevo fatica a capire le mail. Questo non toglie, come dici tu, che adoriamo stare coi nostri bambini, ma siamo anche altro.
      Ora vengo a leggere il tuo blog... Ma tu quando rientri al lavoro? A settembre?

      Elimina
    2. no rientro a luglio ma a settembre inizia il nido

      Elimina
  2. Cavolo, da quanto tempo non entravo su Blogger... augurissimi per la nascita del tuo piccolo! Anche io ne ho uno, nato a maggio, e appartengo ufficialmente al club di quelle che sono contente di tornare al lavoro! Io sono rinata! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, anche tu hai un bimbo?!?! Congratulazioni allora!! Sono quasi coetanei, il mio è nato il 23 giugno, fra poco compie 8 mesi!!
      Io a dire la verità mi sento in colpa per essere stata così felice di tornare al lavoro, ma che ci posso fare? Non riesco a fingere di dispiacermene, avere preoccupazioni diverse dal cambio del pannolino e da quale pastina cucinare mi mette addosso un buonumore insperato.
      Mi rendo conto, comunque, che niente di ciò che faccio in ufficio è più importante e vitale dell'accudire ed educare un figlio. Mi auguro davvero di riuscire a fare entrambe le cose con ottimi risultati.

      Elimina
    2. Il senso di colpa c'è, eccome, ma credo venga in omaggio assieme al pargolo... sto sempre con un occhio all' orologio, mi centellino pure le spedizioni al supermercato, pur di passare con lui più tempo possibile extra-lavoro. Io sono sicura che mio figlio in qualche modo lo rovinerò, per questo lavoro: per mettere da parte soldi per il suo psicologo :D :D :D

      Elimina
  3. Io pure felice di tornare a lavoro...................tipo sono reduce da 5 giorni a casa per febbri e tosse e cose varie e sono rientrata oggi di venerdì ma mi mancava l'aria!Li adoro ma adoro anche questa pace.....................cmq insisti con il nido io con i miei due i primi mesi alla fine li portavo 10 giorni al mese, era un continuo ammalarsi, ma poi arrivata la primavera inoltrata la situazione si è stabilizzata quindi tranquilla non mollare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara kiss, ascoltare anche i vostri pareri mi fa sentire meno 'mostruosa'... Io sono stata a casa tutta la settimana, Fabio mi ha attaccato l'influenza e la brochite, e siamo rimasti a casa insieme. Amore della mamma... Specie quando è malato è coccolone e tenerissimo... Lunedì si torna al nido e al lavoro. Io insisto, non ho scelta, ma in un mese e mezzo direi che non è andato nemmeno 15 giorni in tutto (e lo paghiamo per intero).
      Ma non mollooooooooooo :-)

      Elimina
  4. Ciao Little Rumor. Hai fatto bene a chiedere aiuto alla tua famiglia e, se la cosa ti può consolare o almeno strapparti un fugace sorriso, da piccola mia sorella, anche se non ha frequentato il nido, é stata male spesso e volentieri...dopo "esultavo" (lo scrivo ora che non cè in casa m sister ;) per andare a scuola. Peccato che alle 14 finisse :)
    T'auguro che il piccolo venga a star bene con continuità, a presto un grande abbraccio con affetto by Berty per la Grande Aquila Sfavillante dal tuo fanclub (sempre composto da 1 persona, indovina chi? ;)
    P.S. Viva la musica anni 80!!! Non c'entra una mazza e nemmeno una -ramazza, ma cmq viva la discodance anni 60-70-80!!!!!

    RispondiElimina
  5. Sono sicura che anche tuo figlio troverà giovamento nell'averti mentalmente attiva! Una mamma che non trova piena soddisfazione nei pannolini e nelle pappette ha assoluto bisogno di lavorare per essere/sentirsi una persona migliore. Non siamo tutte uguali e l'importante è stare bene. Altrimenti pure tuo figlio non sarà sereno.

    Spero tanto che i suoi anicorpi si rinforzino presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zion cara, lasciamo perdere la questione anticorpi... che dopo di lui sono 'caduta' anche io e ora siamo entrambi a casa sotto antibiotico, cortisone, sciroppi e chi più ne ha più ne metta! Il mio sogno di una normalità fatta di mattinata al lavoro e pomeriggio col piccolino si è già arenato dopo appena nove giorni dal rientro, un successone. E già ho mollato a metà due progettini da consegnare a fine mese :(

      Per quanto riguarda il discorso 'realizzazione', i primi mesi in casa credevo che essere solo mamma potesse essere la mia vera vocazione... Ma dopo otto mesi dico che no, non può, per il momento non lo è. Ecco, la mia vocazione potrebbe essere un bel part-time, che assomiglierebbe tanto alle 6 ore che faccio adesso (considerandone 2 di permesso retribuito per allattamento).

      Elimina