26 gennaio 2011

RIDERE, PERCHE'?

Sabato sera io, SF ed una coppia di nostri amici (più suoi che miei, però) siamo andati al cinema multisala a vedere 'Qualunquemente'.
Le multisala mi mettono grande tristezza, e infatti non ci vado mai, ma ai nostri amici sembrava che le sedie degli altri cinema della città bruciassero il fondoschiena scaricando corrente elettrica in tutto il corpo (ne erano veramente schifati...), e quindi siamo stati costretti a 'piegarci' alla loro volontà.
Il film era stato scelto insieme, anche se LUI non conosceva Antonio Albanese e LEI l'aveva scoperto la sera prima guardando Zelig.
Ma transeat.
Eravamo tutti d'accordo.
Becchiamo quattro posti sfigatissimi decentrati e lontani, affogati nei cipster e nei pop-corn, e dai che si comincia.
Si comincia sto par di ciufoli.
Ci siamo dovuti beccare 15 minuti di pubblicità "normale" e 10 di trailer cinematografici, sicchè il film è cominciato 25 minuti dopo l'orario previsto.
Ma transeat.
Comincia il film, ed io sento crescere dentro di me una rabbia furiosa, un turbamento quasi fisico, una indignazione grande grande grande.
Mi si serrano i denti, mi si altera il respiro, mi si contraggono le guance.
A me i personaggi come Cetto La Qualunque fanno ingastrire profondamente, non riesco a farci dell'ironia.
Proprio mi fanno incazzare a mille.
E tutta la sala rideva, tranne il tipo alla mia sinistra che non ha emesso un fiato, e con cui si è creato un certo feeling empatico silente, dato che ho creduto per tutto il film che almeno lui mi capisse. Stavo quasi per prendergli la mano in segno di solidarietà per il dolore che stavamo provando...
Ma poi mi sono trattenuta, chè non credo sia opportuno stringere la propria mano destra alla mano sinistra di un ragazzo, e la propria sinistra alla destra di un altro ragazzo.
Oddio, forse sarebbe peggio stringere la propria mano destra alla destra del ragazzo di sinistra, e la propria sinistra alla sinistra del ragazzo di destra....
A meno che uno non abbia una voglia irrefrenabile di contrarre il diaframma, allungare le braccia e incurvare le spalle, e allora io non avrei nulla da ridire. Ma non ne ho mai conosciuti. Non è frequente andare al cinema ed essere adescati dal tipo alla tua destra che ti chiede di tenergli la mano destra perchè ha proprio questa esigenza di stendersi il braccio...
Diverso è quando al fidanzato viene un crampo al polso. Lo capisco che ha un crampo, quando mentre sto pulendo il bagno o sto lavando i piatti o, più in generale, sono con le mani bagnate, mi si avvicina con occhio da eroinomane (o erotomane) e voce roca e, porgendomi la mano, mi dice: TIRA, TIRA FORTE. TIRAMI LA MANOOOO!! TIRA PIU' FORTE! HO DETTO TIRAAAA!
Mi agito sempre un po' in quei casi, non impazzisco dalla voglia di rimanere con Mano della famiglia Addams in mano, ma si sa, per amore si fanno molte sciocchezze, ed io in quanto a fare sciocchezze non sono seconda a nessuno.
Ma vi siete accorti che sto divagando alla grandissima?
Voi avete visto il film?
Io non so come commentarlo, perchè all'uscita dalla sala ero l'unica con la faccia a punto interrogativo e smorfia del ribrezzo. Sembrava che tutti fossero andati a vedere un film di Stanlio e Ollio, io sembrava che uscissi da un soggiorno di un paio di giorni direttamente in un campo di concentramento ancora attivo...
Il film, in quanto film, mi è piaciuto, e anche parecchio.
Fosse stata un'opera di Kusturica me la sarei goduta tantissimo, per le musiche e i colori e i costumi e più in generale per l'atmosfera bosniacoserbocroata che adoro.
Ma in Italia, no.
In Calabria, no.
Non mi va proprio giù.
Mi urta, mi disgusta, mi tocca fastidiosissime corde.
Mah.
Uscire dal parcheggio è stata un'impresa, eravamo completamente intrappolati. 
Con tono monotòno ho ripetuto, in macchina, un sacco di battute scatenando una nuova ilarità generale, e ripetendole ho sorriso un po' anch'io.
Sì, mi hanno fatto ridere, dopo.
Ma mi chiedo. Cosa ci sarà, poi, da ridere?
L'ho chiesto, a casa, ad SF.
Mi ha detto che fa ridere perchè è surreale.
Sì, ha detto proprio: surreale.
Io ho un sospetto, però. Che SF non sappia bene cosa significhi il termine surreale.
Leggo nel dizionario: "Che trascende il reale e tocca la dimensione fantastica, onirica".
Sì, certo.
Trascende il reale.
Tocca la dimensione fantastica, onirica.
Sì, certo.
Ora tocca a voi.... Cosa ne pensate? Avete visto questo film, e comunque conoscete il personaggio che interpreta? Quando ridete (per Cetto), se ridete, perchè ridete?
P.S. Antonio Albanese è un attore bravissimo, secondo me. Infatti non è lui in discussione, in questo post. Temo di essere io.

28 commenti:

  1. non ho visto il film ma seguo Fazio e Albanese è stato spesso ospite da lui portando anche questo personaggio...non commento il film ma forse il fatto che tu non l'abbia goduto è perchè invece del surreale c'hai letto il quotidiano ? perchè io certi politici ce li vedo proprio a fare così!!!un sorriso ^__^

    RispondiElimina
  2. ho proprio paura che di surreale abbia pochino. magari romanzato, magari un po' esagerato, ma la "macchietta" è molto vicina al realismo.

    RispondiElimina
  3. Oddio, mi sento profondamente ignorante. Ho vagamente sentito parlare del film ma non ne conosco la trama. Albanese mi piaceva moltissimo a Mai Dire qualcosa... ma onestamente nei film... non molto. Ad ogni modo hai scatenato la mia curiosità.... devo vederlo!

    RispondiElimina
  4. il film l'ho visto sabato. fortunatamente NON in una multisala. e mi è piaciuto. ma, come te, ho riso poco. e quando ho riso, ho riso amaro. perchè, come dice Albanese stesso, la realtà ha superato la fantasia, e, se una decina di anni fa, quando il personaggio di Cetto nacque, si poteva davvero definire "surreale", oggi purtroppo LaQualunque è un "moderato". :(

    RispondiElimina
  5. @Acqua: sì, temo anch'io che il motivo sia, banalmente, proprio questo. Eppure io ho un carico di ironia e sono dissacrante su così tanti aspetti della vita, che mi deludo. E' un film comico, e dovrei ridere e non farmi sangue amaro. Mah... finchè è cinema d'evasione questi personaggi vanno più che bene, ma quando non siamo al cinema, io vorrei non trovarmeli davanti........ Un sorriso anche a te.

    RispondiElimina
  6. @Red: sì, voi siete tutti settentrionali e non capite cosa vuol dire essere onesti e rispettosi delle leggi in posti dove chi si dovrebbe preoccupare di farle rispettare è il primo a coglioneggiarle... Fa tanto male. No, non potete capire... E' uno schifo. :(

    RispondiElimina
  7. @Libby: libby, è pieno zeppo di commenti e recensioni in rete, se hai tempo da perdere puoi cominciare a curiosare... Cmq è la storia di un uomo di dubbia moralità che si candida a sindaco del suo paese... E' un film molto carino, quindi guardalo pure se ti capita, così me lo commenti. Io sono troppo coinvolta emotivamente...

    RispondiElimina
  8. @Poison: ero supercerta che che tu avresti capito subito il mio stato d'animo. Grande amarezza. Poi ovvio che certe battute me le sto già rigiocando con gusto, ma devo prenderne le distanze emotivamente, altrimenti la frustrazione supera l'ironia... LaQualunque assomiglia a un sacco di politici REALI della mia zona, e non sono calabrese ma siamo lì. Mi viene il vomito.

    RispondiElimina
  9. Io il film non l'ho visto ma mi hanno detto che fa spanciare dal ridere anche se a me personalmente non piace molto Albanese per cui non ho molta voglia di andare a vederlo. Credo comunque che faccia ridere proprio perchè è così vicino alla realtà (sono convinta che SF non abbia proprio chiaro il termine surreale), lo stesso motivo per cui a te non ha fatto ridere!!! ps: a me piace tanto il multisala!!! anche per me le altre sale hanno la corrente elettrica sulle sedie....a me piace prenotare ed avere il mio bel posticino col numero, mi piace la seggiolona comoda comoda, mi piace vedere tutti i trailer possibili...mi vuoi bene lo stesso??? :((

    RispondiElimina
  10. @Mere: fa ridere, è indubbio, ma solo se si riesce con leggerezza ad estrapolarlo dalla realtà. Infatti, come ho scritto, se fosse stato ambientato in Russia o in Serbia o in Messico, me lo sarei goduto come quando guardo un horror ambientato in un posto non meglio specificato nel mondo. E' la collocazione territoriale che mi disturba...
    Per la multisala, mere è ovvio che ti voglio bene lo stesso!! Guarda che ci si può volere bene anche avendo gusti diversi! Certo che se fossimo amiche anche nella vita reale, faremmo una volta per ciascuno nella scelta del cinema. Non vorrai mica sbilanciare il rapporto?!?!?!
    Smack
    Ah, vallo a vedere il film, sono sicura che ti piacerà!

    RispondiElimina
  11. io il film non l'ho visto e non ho intenzione di andare xkè non mi ispira x niente!! e cmq ad essere sincera lui lo conosco solo x mai dire gol o una cosa del genere! cmq amo andare al cinema, mi prenoto prima i posti con la card e mi metto como da comoda sulle mega poltrone :D

    RispondiElimina
  12. oh mio dio, mi hai letteralmente confusa....

    RispondiElimina
  13. @mika: e vabbè, allora ditelo che tu e mere siete professioniste del multisala!! Voi prenotate i posti da casa!! Noi siamo andati lì come quattro coglioncelli, e ci siamo beccati dei posti comodi sì, ma sfigatissimi... E storti!
    Io non avrei visto il film se non fossimo stati in compagnia, in genere con le mie amiche preferiamo altri generi...

    RispondiElimina
  14. @MammaMatta: uahuahauhauha, finalmente una che si è confusa!! Mi fa piacere che tu te ne sia accorta!! Uhauhauhauahuaua :)

    RispondiElimina
  15. mmm.....
    uhm.....
    eh.... torno dopo sai

    RispondiElimina
  16. è in programma.ma mi hai fatto passare un pò la voglia,anche se,leggendo i commenti e guardando il trailer ero già orientata ad un commento sui generis..non fa ridere di gusto senza pensieri x il gusto di ridere xkè riflette la ns realtà......cm le battute del sul berlusca,fanno ridere xkè esileranti(le minorenni nn esistono sn un'invenzione dei comunisti!)ma non è quella risata fragorosa fine a se stessa..è un ridere a denti stretti ma ci sarebbe + da piangere!

    RispondiElimina
  17. @Prxt: eccerto che faremo una volta per una ma i film francesi solo quando sono stanca eh così dormo bene hihihihihi!!! Me pestifera. Quando tocca a me prenotiamo da casa così arriviamo belle belle all'ultimo minuto, striciamo la tessera, passiamo davanti a tutti e ci sediamo al centro della sala!!! Guarda che anch'io mi sono accorta della divagazione e anche della contorsione di mani ma ormai da te mi aspetto di tutto ;)))

    RispondiElimina
  18. @Candy: che c'è? Sei confusa anche tu? Ma non mi dire!! :) Torna quando vuoi comunque, ogni tanto mi riprendo!! :)

    RispondiElimina
  19. @carrie: sì, proprio così, non è una risata fragorosa di gusto, è un ridere per non piangere. Ecco perchè mi chiedevo se gli altri fossero più bravi di me, capaci quindi di discernere l'ironia dalla realtà ma con coscienza, o se gli altri non si rendessero conto della melma in cui stiamo pericolosamente annegando. Cmq va' a vederlo, così sento anche il tuo giudizio.

    RispondiElimina
  20. Mere, ci sono francesi e francesi. E cmq stai tranquilla, io dormo di brutto con i supereroi, quindi in base alla stanchezza di ognuna di noi, sceglieremo il film.
    Io invece ti porto in un piccolo cinema, in sala saremo solo io te e qualche altro sfigato, i pop corn saranno nel sacchettino di carta, e il tipo a strappare i biglietti sarà più grande della somma delle nostre età...
    Avremo il cinema tutto per noi!! Che sogno!! :)

    Non ti arrampicare sugli specchi!! MammaMatta si è confusa di più!! Uhauhauhaah

    RispondiElimina
  21. uffa ma con i supereroi dormo pure io caspiterina!!!! sai che ronfate ahahahahaha!!!! Mammamatta riesce sempre ad essere un passo avanti a me arghhh arghhhhh ahahahahahahaa

    RispondiElimina
  22. E allora giù a ronfare!!! Mentre già immagino i nostri uomini tutti belli ringalluzziti ed eccitati...
    Mammamatta è la migliore, c'è poco da dire.... :)

    RispondiElimina
  23. DECISAMENTE OPZIONEB...a cui aggiungo un pelo,troppa,di ignoranza che ha l'italiano medio circa politica e co.
    basti pensare,scusa se sono ripetitiva,alla questione premier:-)

    RispondiElimina
  24. Uhm... come temevo allora. :(

    RispondiElimina
  25. PRxT: sei calabrese? di dove, se te la senti di dirlo in pubblico? Io sono una nordica (molto nordica) migrata a Reggio per amore...

    RispondiElimina
  26. @Sara: ciao e benvenuta. No, io non sono calabrese, ma lo è il mio fidanzato... Siamo entrambi migrati in terra nordica, siamo entrambi terroncelli, ma per delle persone oneste essere assimilate ad un certo genere di tipologia umana è odioso... E tu come ti trovi in Calabria? Ti piace? Io non ci sono mai stata, o almeno non con lui...

    RispondiElimina
  27. Sono d'accordissimo...io in Calabria mi trovo bene, devo dire che molto fa l'avere una famiglia acquisita affettuosissima e che mi ha accolta come una figlia e (per ora) un buon lavoro!

    RispondiElimina
  28. Beata te... Io sto ancora combattendo per farmi accettare, indi desumo che non riuscirò mai ad amare la Calabria come vorrei. Anzi, le porto addirittura un po' di rancore... :(

    RispondiElimina